Ordine Civile di Savoia
Ordine Civile di Savoia


Venne fondato il 29 ottobre 1831 da Carlo Alberto, Re di Sardegna, con una sola classe per premiare le virtù civili ed il merito di chi non apparteneva alla classe militare (Ordine Militare di Savoia 1815-1946). Gli statuti originali attestano che "può essere conferito dal Gran Maestro dell'Ordine, che è il Capo di Casa Savoia".

L'Ordine fu riservato solo agli italiani, ed in particolare a coloro che si distinsero o si erano resi celebri per valore della propria opera tra gli "scienziati", "letterati" , "amministratori", "ingegneri", "architetti", "artisti", "autori e pubblicatori di scoperte", "ai professori di scienze e lettere", "ai direttori di educazione".
Ai decorati dell'Ordine spettavano gli onori militari riservati agli ufficiali inferiori. Il numero massimo è di settanta membri.

La decorazione consiste in una Croce di Savoia d'oro, smaltata d'azzurro, caricata da uno scudetto bianco con la cifra "C.A." (Carlo Alberto) in oro, sostituita dalla cifra "V.E." (Vittorio Emanuele II) dopo la morte di Carlo Alberto, e sul retro "al Merito Civile 1831".

A seguito della morte di S.M. Umberto II, Re d'Italia, il figlio S.A.R. Vittorio Emanuele il Principe di Napoli, Capo d'Ordine e d'Arme della Real Casa Savoia, è il VI Gran Maestro Ereditario dell'Ordine.

Decorazione e Divisa di Cavaliere dell’Ordine Civile di Savoia, con esatta collocazione su stemma di famiglia

a cura di Antonello Fois