Skip to content

CONCERTO IN FLORIDA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI

Il 5 marzo 2020, presso il Centro Civico della Città di Cocoa sulla costa della Florida (Stati Uniti d’America), si è tenuto un concerto a scopo benefico. Protagonisti dell’evento sono stati i musicisti italiani del Trio Bell’Elixir composto dalla Prof.ssa Roberta Bortolin al pianoforte, dal Prof. Stefano Casaccia al flauto dolce e dal Prof. Claudio Gasparoni al contrabbasso. Il gruppo ha proposto musiche della Belle Époque, tra cui musiche tradizionali veneziane e napoletane.

Il concerto è stato organizzato dal Centro per la cura dei tumori della Contea di Brevard: i Cancer Care Centers of Brevard. L’iniziativa è stata presentata dal Dr. Giuseppe Palermo, famoso oncologo e presidente del Centro di Cura. Tra il pubblico erano presenti molti medici, sia generici che specialisti, infermieri, amici della comunità italiana e, soprattutto, tanti pazienti oncologici. Ed è proprio per loro che il concerto si è tenuto. Infatti, la Prof.ssa Roberta Bortolin ha donato il ricavato di circa $6,000.00 al Centro di Cura per aiutare i pazienti oncologici più bisognosi a nome degli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia di cui fa parte quale Dama dell’Ordine al Merito.

Come ha dichiarato S.A.R. il Principe Vittorio Emanuele in occasione del Capitolo Generale tenutosi a Nizza nel 2019, la Croce Bianca della Real Casa è un simbolo di speranza per il mondo. È mio dovere agire aiutando i più bisognosi per onorare quella Croce” ha commentato la Prof.ssa Bortolin.

Tra i presenti, anche il sindaco Tom Price della Città di Rockledge, dove il centro ha una delle sue sedie  il Cap. Vasc. Winston Scott, astronauta dalla NASA nonché famoso musicista di jazz. Il trio, visto il successo ottenuto, è stato nuovamente invitato per l’anno prossimo.

Ci appoggiamo spesso alle case farmaceutiche per agevolare le cure ai più bisognosi anche in termini economici. Non ci può far altro che piacere ricevere questo generoso contributo che verrà utilizzato per tali nobili finalità” conclude il Dr. Giuseppe Palermo.

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp