Martinengo 3 aprile 2022


Su invito del Cav. OMRI Dott. Pasquale Busetti, Presidente del Centro Studi Cultura di Martinengo, il Vicario di Bergamo ha partecipato, insieme ad alcuni insigniti, alle celebrazioni organizzate a Martinengo dallo stesso Centro Studi in onore e memoria di Antonio Locatelli.

Le celebrazioni, cui hanno preso parte numerose associazioni (presenti oltre 60 vessilli) e un pubblico cospicuo, hanno avuto inizio con una commemorazione nel parco degli Alpini e proseguivano con un lungo corteo, che, scortato dalla Banda di Martinengo e dalle motociclette storiche dei Carabinieri, percorreva le vie della cittadina sino al centro storico; qui faceva tappa prima presso l’insegna in via Locatelli e poi al Sacrario, ove veniva celebrata la commemorazione dei Decorati e di tutti i caduti delle guerre e veniva deposta una Corona d’alloro.

Il corteo giungeva poi al noto “Filandone” ove, nella notevole sala espositiva, si inaugurava, con rituale taglio del nastro ad opera della prof.ssa Laura Mazza Buglione di Monale, nipote del Locatelli, la mostra a questi dedicata, nella quale si trovavano esposti, tra l’altro, suoi documenti, fotografie e disegni e vari cimeli.

Dopo i ringraziamenti a quanti hanno collaborato per la buona riuscita della manifestazione, tre Cadetti dell’Aeronautica davano lettura delle tre motivazioni delle tre medaglie d’Oro al Valor Militare conferite a Locatelli.

Si sono quindi susseguiti diversi interventi di autorità e rappresentanti delle associazioni presenti, tra cui, in particolare, il presidente provinciale dell’Istituto Nastro Azzurro, dr. Vito Mirabella, il Presidente di Assoarma, tenente Ernesto Greco, e il Maresciallo Bruno Saccone, presidente dell’Associazione Aeronautica di Bergamo; anche gli insigniti Cav. Galante e Cav. Padre Cassinelli sono interventi quali rappresentanti di associazioni.

In chiusura degli interventi istituzionali il Vicario di Bergamo, Uff. Dott. Avv. Enrico Rodolfo Nosari, invitato dagli organizzatori, ha portato il saluto della Delegazione e degli insigniti del Vicariato, e ha dato lettura del messaggio pervenuto da S.A.R. il Principe Gran Maestro che è stato accolto con commozione e molta soddisfazione dal pubblico presente.