Skip to content

PELLEGRINAGGIO AL SANTUARIO DI OROPA

Sabato 21 maggio sì è svolto al Santuario di Oropa il pellegrinaggio giubilare dei Cavalieri e delle Dame delle Delegazioni del Piemonte e della Lombardia degli Ordini Dinastici di Casa Savoia per celebrare il 450° anniversario di fondazione dell’Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, istituito con bolla di S.S. Papa Gregorio XIII il 16 settembre 1572,  affidandone il Gran Magistero al Duca di Savoia del tempo,  Emanuele Filiberto detto “Testa di Ferro” ed  ai Suoi Successori in perpetuo.

Alla guida del pellegrinaggio odierno, i due rispettivi delegati:  il Cav. Gr. Cr. Nob. Dott. Carlo Buffa di Perrero per il Piemonte ed il Gr. Uff. Alberto Di Maria per la Lombardia, presenti oltre 70 Cavalieri e Dame, accompagnati anche dai numerosi Vicari delle varie provincie. 
La Santa Messa è stata celebrata nella basilica superiore del Santuario dal Priore della Delegazione Lombarda Mons. Luigi Mistò.  Il Consigliere di Delegazione per la Provincia di Cuneo, Rev. Don Luca Lanave, ha letto il Messaggio del Gran Maestro, S.A.R. il Principe Vittorio Emanuele. 
La Sacra Funzione è stata accompagnata da un coro di eccezionale qualità artistica, diretto dal confratello Prof. Alessio Lucchini che, per la prima volta, ha fatto ascoltare composizioni settecentesche dai vescovi-conti del Cusio, ai primi Re di Sardegna, di cui si erano perse le tracce.

Successivamente, il pellegrinaggio si è spostato nell’antico Santuario ove è venerata la “Madonna nera”, per una preghiera sotto il lungo manto, richiedendone la materna protezione.  Tra i Reverendi Cavalieri dell’Ordine intervenuti, numerosi i sacerdoti della zona, tra cui Don Fulvio de Toma, Parroco di Cossato e Canonico del Capitolo di San Stefano di Biella e Mons. Gianluca Gonzino, Canonico del Capitolo Eusebiano di Vercelli.

Dopo la colazione, i partecipanti hanno potuto visitare gli Appartamenti Reali (dove si fermarono in viaggio di nozze S.A.R. il Principe di Piemonte Umberto e la Principessa Maria José di Savoia), poi il Tesoro con i numerosi e preziosi  gioielli reali, lasciati in omaggio alla Madonna dalle Duchesse e Regine di Casa Savoia in cinque secoli di storia. Il confratello Ccomm. Mario Coda, ha fatto eccezionalmente aprire la biblioteca per ammirarne libri, stampe ed alcuni pezzi rari delle raccolte del XVI secolo. È stato inoltre messo in vendita il CD con le musiche settecentesche incise dal Prof. Lucchini il cui ricavo, insieme al raccolto della colazione benefica, è stato consegnato ai Delegati della Lombardia e del Piemonte, da devolvere alle opere di solidarietà promosse.



condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp