Skip to content

PETER PAN E L’EMERGENZA UCRAINA: L’IMPEGNO DEGLI ORDINI DINASTICI DI CASA SAVOIA

Su impulso di S.A.R. il Principe Emanuele Filiberto di Savoia, Presidente del Consiglio Gran Magistrale, gli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia, da circa tre anni, attraverso A.I.C.O.D.S., sostengono le attività di Peter Pan Odv: la struttura romana che ospita i piccoli degenti dell’Ospedale Bambino Gesù con le loro famiglie, supportando l’affitto di tre stanze.

Tale struttura accoglie famiglie da tutto il mondo, ma gli ultimi terribili accadimenti in Ucraina, impongono una maggiore attenzione nei confronti di quanti fuggono da questa martoriata terra, anche in situazioni di estrema difficoltà, alla ricerca di cure mediche per i propri figli.

Una famiglia ucraina è giunta presso la casa di Peter Pan Odv soltanto qualche giorno fa e un’altra è in arrivo: saranno ospitate presso le stanze messe a disposizione anche grazie al contributo degli Ordini Dinastici della Real Casa Savoia.

Vi raccontiamo le storie dei primi profughi.

Denys, di 8 anni, e Mariana, sua mamma, sono arrivati Domenica 6 Marzo, ancora terrorizzati e con l’angoscia nel cuore per i familiari rimasti in Ucraina. Denys, i suoi 8 anni, li ha passati quasi tutti in ospedale per guarire dalla leucemia. In Ucraina ha avuto tre recidive e ha la vista compromessa dalle forti dosi di chemioterapia. Circa un anno e mezzo fa, è arrivato in Italia all’Ospedale Bambino Gesù dove è stato sottoposto a trapianto del midollo, con successo. A Dicembre dell’anno scorso, il rientro in Ucraina. I primi di Aprile, doveva tornare a Roma accompagnato dalla mamma per sottoporsi ai controlli programmati all’Ospedale Bambino Gesù. Ma è scoppiata la guerra e sono stati costretti ad anticipare la partenza, lasciando l’Ucraina nel primo giorno dei bombardamenti. Trovano accoglienza presso una famiglia in Polonia che ha potuto accoglierli per qualche giorno. La mamma era disperata perché senza soldi per pagare un alloggio e per mangiare. Come fare per arrivare in Italia? Scatta un tam tam di solidarietà e la sua richiesta di aiuto arriva alla FIAGOP, la rete Italiana delle Associazioni di Genitori e Guariti Oncoematologia Pediatrica, che subito informa l’associazione federata Peter Pan Odv.

«Sono tanti i bambini che si sono ritrovati loro malgrado nel bel mezzo di una guerra che in un attimo è capace di mettere fine ai loro sogni, alle loro speranze, al diritto di avere un futuro: il grande cuore di Peter Pan non poteva rimanere indifferente di fronte a quello che sta accadendo. Abbiamo avviato tutta la nostra macchina di solidarietà e siamo pronti a fornire accoglienza, sostegno psicologico e tutto il supporto necessario ai bambini oncoematologici e alle loro famiglie che arrivano in Italia in fuga da un conflitto così atroce» – afferma Roberto Mainiero, presidente di Peter Pan.

Oltre a offrire la propria disponibilità per l’accoglienza alle istituzioni e alle organizzazioni coinvolte nei corridoi umanitari, l’associazione ha organizzato una raccolta di beni di primaria necessità presso la sua sede per il punto di raccolta della Parrocchia di Santa Sofia a Roma.

Peter Pan Odv fa di tutto per “aggiungere vita ai giorni dei bambini e dei ragazzi” che combattono il cancro restituendo loro i diritti negati dalla malattia.

Grazie a tutti Voi che contribuite a far sì che questa realtà possa continuare ad aiutare. 

Abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti per proseguire nel nostro sostegno.

Clicca qui per donare per il progetto “Peter Pan” sostenuto dagli Ordini Dinastici della Real Casa di Savoia

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp