Skip to content

S.A.R. IL PRINCIPE EMANUELE FILIBERTO IN VISITA AL POLIAMBULATORIO DI GENOVA RESO POSSIBILE GRAZIE ALLA DONAZIONE DEGLI ORDINI DINASTICI DELLA REAL CASA DI SAVOIA

Sei mesi esatti dopo la posa della targa, S.A.R. il Principe Emanuele Filiberto ha visitato il Poliambulatorio Maria Cristina di Savoia di Genova, donato dagli Ordini Dinastici alla popolazione colpita dai disagi conseguenti il crollo di Ponte Morandi, avvenuto il 14 agosto scorso. 

L’Augusto Principe, insieme al Cav. Gr. Cr. Paolo Thaon di Revel Vandini, Membro della Giunta e Presidente della Commissione Disciplinare degli Ordini Dinastici di Casa Savoia, è stato accolto dal Vicepresidente della Croce Rosa Rivarolese nonché neo Vicario della Liguria degli Ordini Dinastici, Uff. Dott. Valerio Ruggiero presso la nuova sede della Delegazione di Liguria, sita in Palazzo Durazzo – Zoagli in via San Lorenzo. Qui, S.A.R. ha incontrato il  Vice Sindaco di Genova Dott. Stefano Balleari, autoritàimprenditori e professionisti che lo hanno ringraziato per quanto Egli ha fatto per la città nella recente luttuosa situazione.

A seguire, S.A.R. si è quindi recato presso la sede della Croce Rosa Rivarolese ed ha potuto visitare il Poliambulatorio ultimato, nel quale, in soli tre mesi dall’apertura, si sono presentati più di 400 pazienti, nei soli fine settimana, per ricevere le cure per i casi a bassa emergenza: i cosiddetti “codici bianchi”.

S.A.R. è stato quindi accolto, presso la Stazione Marittima di Genova, da più di 300 Lions che lo hanno invitato quale ospite d’onore alla cena di gala nell’annuale “Festa dell’amicizia”, occasione per la consegna dei prestigiosi riconoscimenti Lionistici Melvin Jones, per porgergli i riconoscimenti per la donazione del Poliambulatorio. “Sulla maglietta che mi è stata regalata dagli sfollati e dalla Croce Rosa” – ha detto l’Augusto Principe -“c’è scritto Genova nel cuore, e Genova è veramente nel mio cuore”.

Il Vicario per Genova e Vicepresidente della Croce Rosa, Uff. Dott. Valerio Ruggiero, nel salutarLo e ringraziarLo, ha ricordato che “Il legame tra Genova, Sua Altezza Reale , la Croce Rosa e gli Ordini Dinastici è indissolubile perché ormai anche il Principe Emanuele Filiberto è un Angelo che, da quel maledetto 14 agosto, è stato presente e paterno. I Genovesi, in qualsiasi parte del mondo essi siano, Gli sono grati e affezionati”.

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp