Skip to content

SI SONO TENUTE A MESSINA TRE GIORNATE DI CELEBRAZIONI PER I 110 ANNI DEL PRIMO IMPIEGO DEL CORPO DELLE INFERMIERE VOLONTARIE CRI NEL NOME DELLA REGINA ELENA DI SAVOIA

MESSINA – Nel ricorrere i 110 anni del primo impiego del Corpo delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, avvenuto proprio a Messina a seguito del sisma che devastò la città, in ragione dell’indissolubile legame tra Casa Savoia e le “Sorelle”, nate a Roma con il patrocinio della Regina Elena, il Vicariato per Messina degli Ordini Dinastici Sabaudi e l’Ispettorato provinciale delle II VV CRI si sono resi promotori di tre Giornate celebrative.

Il 15 novembre è stata scoperta una lapide presso l’Istituto dei PP. Rogazionisti di Cristo Re, nei pressi del Sacrario Militare cittadino, ove durante la seconda guerra mondiale sorgeva un regio ospedale della Croce Rossa

Il 22 novembre ha avuto luogo l’inaugurazione e la benedizione di una targa marmorea presso l’Istituto Verona – Trento – Majorana, già sede del regio presidio n°97 della Croce Rossa durante il primo conflitto mondiale.

Il 1 dicembre dinnanzi al monumento ad Elena di Savoia e nella splendida cornice di una formazione di crocerossine sull’attenti, l’Ispettrice Nazionale S.lla Monica Dialuce Gambino, con il Delegato per la Sicilia e il Vicario per Messina, Uff. Don Andrea Di Paola, ha deposto una composizione di violette e ha scoperto la targa marmorea, con lo stemma degli OODD  dedicata alla Sovrana benefattrice della Città terremotata.


L’evento è proseguito presso l’Aula Magna della Scuola VTMIS della Guardia Costiera dove una Tavola Rotonda, dopo l’esecuzione dell’Inno nazionale e dell’Inno sardo e la lettura del messaggio inviato  da S.A.R. Vittorio Emanuele di Savoia, Gran Maestro degli OODD  per le importanti iniziative celebrative, ha rievocato le tappe principali della storia del Corpo delle Infermiere Volontarie, il ruolo della  Regina Elena e della Regina Maria Josè e delle altre Principesse di Casa Savoia in relazione alla Croce Rossa nei periodi di pace e di guerra.

condividi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su whatsapp